Blog,  Wine News,  Wine Tour

A Ca’ dei Frati “un sorso di vino non si rifiuta mai”…

Appena ho udito queste parole durante l’intervista a Ca’ dei Frati, il pensiero è andato dritto al titolo del mio articolo: questa meravigliosa frase racchiude perfettamente lo spirito che anima da ben quattro generazioni in questa azienda dove il visitatore è accolto come un ospite prima ancora di essere cliente.

Eh si, proprio così, la cantina è aperta al pubblico che (previa prenotazione) potrà accedervi per un tour guidato senza alcun costo. Al termine della visita, “un sorso di vino” – naturalmente Ca’ dei Frati – suggellerà l’esperienza. Se si vuole invece proseguire con degustazioni più articolate e approfondite, l’azienda organizza momenti dedicati presso la Fenice o presso l’hotel Aquila d’Oro, due spettacolari location affacciate sulle piacevoli sponde del lago di Garda dove potrete godere di ottimi vini abbinati ad altrettanto ottimi stuzzichini e/o piatti selezionati per esaltare ogni sapore.

Ma attenzione, durante l’intervista ho scoperto un’anteprima: è in arrivo il virtual tasting!

Nei prossimi giorni si dovrebbero conoscere i dettagli di questo evento online dedicato all’Amarone… Non ci resta che tenere d’occhio la pagine sociale di Ca’ dei Frati per conoscere tutti i dettagli di questa “Amarone Experience” alla quale potremo partecipare comodamente da casa nostra sorseggiando i vini che ci presenterà un preparatissimo sommelier.

Le degustazioni online sono certamente uno strumento molto utile per non perdere il contatto con i propri clienti, una tendenza molto in voga negli Stati Uniti fin dall’inizio di questo difficile periodo che ci vede costretti a rimandare molti appuntamenti con il food&wine, ma anche una tendenza che sono convita perdurerà nel tempo e potrà essere un ulteriore canale di fidelizzazione del proprio target.

E’ chiaro a questo punto quanto questa azienda abbia a cuore il rapporto con i propri clienti, ma andiamo a conoscerne la storia… 

Tutto iniziò nel 1939 quando Felice Dal Cero, figlio di Domenico – già viticoltore nel veronese – si trasferì in Lugana di Sirmione, intuendo fin da subito l’alta vocazione vitivinicola della zona. Dopo trent’anni di lavoro in vigna e in cantina, nel 1969, il figlio Pietro partecipa alla nascita della Doc iniziando a imbottigliare la sua prima etichetta di Lugana Casa dei Frati, successivamente detta Ca’ dei Frati. Nel 2012 Pietro Dal Cero viene a mancare lasciando l’eredità culturale alla moglie Santa Rosa e ai figli Igino, Gian Franco ed Anna Maria che gestiscono l’azienda con la stessa passione e determinazione.

I vini provengono da vigneti di proprietà coltivati prevalentemente in località Lugana di Sirmione e attorno alla torre di San Martino della Battaglia. Agli inizi degli anni duemila, si sono aggiunti 11 ettari in Valpolicella sul Pian di Castagnè nel vigneto Luxinum dove nasce il noto Amarone Pietro Dal Cero che attendiamo di conoscere meglio nella prossima virtual tasting!

Oltre all’Amarone, tra i vini Ca’ dei Frati merita sicuramente menzione “I Frati”, Lugana Doc, 100% Turbiana (vitigno autoctono) che ha fatto conoscere e continua ad essere l’immagine dell’azienda.

Piacevole esperienza personale è stato l’assaggio di Rosa dei Frati, Riviera del Garda classico Doc, ottenuto con vitigni Groppello, Marzemino, Sangiovese e Barbera. Un Rosato molto fresco, leggero ma anche persistente, di facile abbinamento e per nulla scontato.

Pratto, frutto di un blend di Turbiana, Chardonnay e Sauvignon Blanc rappresenta invece una sfida che l’azienda ha voluto affrontare uscendo dagli schemi convenzionali…

Il Ronchedone, altro Vino Rosso che ha saputo farsi apprezzare, nasce invece nella zona ove sorgono le prime colline moreniche. Marzemino, Sangiovese e 10% di Cabernet ne fanno un vino che non può passare inosservato. 

E molto altro ancora… tutti i vini e le grappe Ca’ dei Frati sono bene illustrati sul sito della cantina (www.cadeifrati.it), una vetrina semplice ma chiara ed esaustiva a cui si aggiungono momenti più interattivi come i Podcast su Facebook, le dirette e la newsletter che – apprezziamo! – non viene recapitata periodicamente ma solo ed esclusivamente in occasione di aggiornamenti su interessanti attività ed eventi.

Nei prossimi giorni avrò occasione di approfondire un paio di vini Ca’ dei Frati pensati in abbinamento al tartufo di Acqualagna.

Vi aspetto sulle mie pagine Instagram e Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *